Avere ottime recensioni permette agli hotel di ottenere ricavi maggiori.

Gli studi effettuati ad oggi nel campo della online reputation ci hanno consentito di osservare come gli hotel con un’alta percentuale di gradimento nelle recensioni degli ospiti sono anche quelli il cui prezzo per camera è mediamente più elevato.

È sufficiente consultare una qualsiasi OTA e comparare i prezzi degli hotel presenti in una determinata località, selezionare il filtro relativo al punteggio degli ospiti (ad es. tutte le strutture che presentano un rating dall’8.5 in su) e scegliere di visualizzare i risultati in ordine dal più economico al più costoso. Non è difficile notare come gli hotel in fondo alla lista, quindi che offrono camere ad un prezzo più alto, sono anche quelli con un rating maggiore.

Immagini di tre hotels con differenti ratings

In un recente studio econometrico, realizzato da Lewis e Zervas e pubblicato dalla Chicago Booth Business School è stato preso in esame un campione di 5,944 hotel (forniti da Smith Travel Research) in diverse zone degli Stati Uniti e sono stati comparati i tassi di occupazione e i prezzi per camera nel corso di quasi un decennio (2005-2014) in relazione al punteggio delle recensioni sui principali portali (es. TripAdvisor).

I risultati più interessanti emersi dallo studio di Lewis e Zervas sono principalmente due. Il primo è dato dal fatto che il punteggio ottenuto tramite le valutazioni degli ospiti causa un diretto aumento dei tassi di occupazione e del prezzo di vendita delle camere. In particolare, una stella in più su TripAdvisor può portare a un aumento medio del 25% dell’occupazione e del 9% del costo delle camere rispetto a un competitor. Il secondo risultato mostra quanto il rating della struttura su diversi portali sia divenuto sempre più importante nel corso degli anni. Anno dopo anno le strutture con una percentuale di gradimento maggiore hanno presentato sempre più alti tassi di occupazione pur avendo prezzi più elevati rispetto alla concorrenza. I due studiosi hanno anche stimato che il sistema di confronto sui portali di recensione è determinato dal miglior incontro tra domanda e offerta che si traduce in un notevole risparmio per le tasche dei viaggiatori.

Da questi risultati si può dedurre quanto sia aumentata anche la consapevolezza degli albergatori che possono aumentare i prezzi di vendita se supportati da una buona brand reputation. Inoltre si può rilevare come la volontà dei viaggiatori di pagare un prezzo più alto per strutture con ottime recensioni sia in grande aumento. Una brand reputation migliore non è solo un fantastico biglietto da visita, è anche un fattore che permette all’hotel di ottenere ricavi maggiori.

Per saperne di più sull’argomento, richiedici una consulenza gratuita tramite il form che trovi di seguito!

Fonti:

The Welfare Impact of Consumer Reviews: A Case Study of the Hotel Industry, Gregory Lewis, Microsoft Research and NBER, Georgios Zervas, Questrom School of Business Boston University.

The Wall Street Journal, Jo Craven McGinty, For Hotels, Online Reviews Really Matter to the Bottom Line (18/11/2016)

 




A proposito dell'autore

Scopri maggiori dettagli in una dimostrazione gratuita!