Booking.com cripta gli indirizzi email degli utenti

Riusciranno i nostri albergatori a mantenere un briciolo controllo sui dati dei loro ospiti?

post giugno, 2015

Booking.com cripta gli indirizzi email degli utenti

Riusciranno i nostri albergatori a mantenere un briciolo di controllo sui dati dei loro ospiti?

Vi sarà forse giunta notizia dei drastici cambiamenti apportati in casa Booking.com. Infatti la società del Priceline Group d’ora in avanti renderà inaccessibili agli hotel gli indirizzi email dei loro ospiti. Secondo la OTA più famosa al mondo la misura dovrebbe tutelare la privacy degli ospiti, ma di fatto impedisce agli hotel di accedere ad una risorsa fondamentale per cercare di disintermediare: gli indirizzi email degli ospiti.

La notizia è stata annunciata attraverso un’email ufficiale inviata agli albergatori che promuovono i loro servizi tramite la OTA affermando che l’anonimato dei dati garantirà una protezione aggiuntiva dagli attacchi informatici, tutelando quindi sia le strutture ricettive che i consumatori finali.

Ma quali sono le conseguenze per gli hotel?

Rendendo inaccessibili i dati degli ospiti, Booking.com non farà altro che aumentare ulteriormente la dipendenza delle strutture ricettive dal suo Extranet, impedendo agli hotel interessati di portare la comunicazione con gli utenti al di fuori del portale di viaggi e precludendo loro la possibilità di ottenere prenotazioni dirette.

Naturalmente gli hotel potranno comunque continuare a comunicare con gli ospiti attraverso il software di Booking.com, ma a differenza di quanto avveniva in precedenza, gli indirizzi email saranno cifrati e quindi sarà impossibile inviare comunicazioni altrove.

Privare gli hotel di questi dati potrebbe rappresentare un danno significativo poichè nessuno nega che sia importante aumentare la sicurezza online, ma è altrettanto innegabile che possedere i dati degli ospiti sia fondamentale per gli hotel per mantenere un contatto con la propria clientela.

Quali sono i nuovi scenari che si aprono per le strutture ricettive?

Gli hotel dovranno dotarsi di tutti quegli strumenti che gli permettano passo dopo passo di guadagnarsi la propria indipendenza. Investire tempo e risorse nei propri canali ufficiali è sicuramente la scelta migliore. Parliamo di ottimizzazione SEO del sito web e di un valido booking engine che aumenti le conversioni sulla propria homepage. La strada da percorrere sembra in salita ma mettendocela tutta la soluzione per disintermediare è a portata di mano!

Che aspetti? Trasforma il tuo sito ufficiale in una fonte di prenotazioni dirette. Come? Te lo mostriamo noi in pochi minuti.

Richiedi una Free Demo!